L’ombra del peccato ๑۩۞۩๑ Personaggi๑۩۞۩๑ Ròis Autier

Ròis Autier

Ròis Autier è l’ombra del peccato. È infatti la moglie di Herman e il peccato che l’angustia è la bigamia. Parliamoci chiaro, ai nostri giorni la bigamia è un’inezia. Una causa in tribunale e via. Nel Medioevo essere bigami significava rischiare la testa sia per il bigamo sia per chi, come Clara, era ignaro della nullità del proprio matrimonio.

Per spirito di precisione l’ombra del peccato non si allunga solo su Herman e Clara, ma su tutti gli altri personaggi, dal primo all’ultimo. Tutti hanno segreti e peccati inconfessabili, alcuni legati alle vicende dei protagonisti altri come Ethan, Vittoria e il barone Giacomo riguardano comportamenti ritenuti oltraggiosi per l’epoca. Lo stesso destino di esule di Herman diventa un peccato che si intreccia con personaggi storici realmente esistiti.

Se si vuol dare un ruolo all’interno della narrazione, Ròis è l’antagonista, è l’unico vero impedimento al legame tra Herman e Clara.

Ma come tutti i miei personaggi Ròis non è solo ombra. Come la maggior parte delle donne del passato il destino di Ròis è segnato dalla scelta familiare. Dovrà sposare un cadetto e partorire l’erede del signore. In realtà Ròis non ha la possibilità di rifiutarsi. Consapevole di non avere alcun valore non essendo vergine si presta al patto. Ciò che Herman le contesta non è tanto il fatto di dover accettare di sottostare al fratello prima che al suo sposo, piuttosto di avergli mentito. Di avergli fatto credere di essere casta e pura e votata a lui, quando invece sapeva già che cosa sarebbe accaduto.

Ròis aggrava la sua posizione nel momento in cui tenta Herman e soprattutto quando, per vendetta e gelosia, dà a Alyssa, l’amante di Herman una pozione abortiva che la uccide.

La reale colpa di Ròis è di avere distrutto l’equilibrio di una vita già stabilita. Herman, prima di Ròis, aveva un destino tracciato. Rimanere comandante di Axa finché il fratello sarebbe stato in vita e prenderne possesso alla morte. Peccato però che suo fratello Colbert non è d’accordo. Vuole un erede normanno anche se ciò significa sacrificare l’onore del fratellastro, quindi si può concludere che la responsabilità è di Colbert. Che colpa ha Ròis? È una donna, non è vergine, le piace il sesso ed è vendicativa. Un essere deprecabile per quei secoli.

Nel creare il personaggio ho dovuto tenere conto di due realtà medievali, una fondata su un falso mito. Non esisteva un ius primae noctis come fu concepito in epoca illuminista solo per far disprezzare ancora di più il Medioevo. È molto probabile invece che si pagasse una tassa al signore per il matrimonio. Inoltre Ròis aveva tutto il diritto di eliminare Alyssa, l’amante del marito, magari facendola allontanare dal castello, non facendola prima stuprare e poi avvelenandola.

Il rapporto tra Herman e Ròis è molto conflittuale, passionale e violento come il personaggio. Non a caso, le scene più torride riguardano più Herman e Ròis che Clara.

Lo odiava per la sua arroganza, per gli sguardi gelidi, per avere osato pensare di essere superiore a lei. Lo odiava per non essere il padre di Bernard, per essere gentile anche con i cani tranne che con lei eppure sapeva che sarebbe bastato allungare una mano per averla pronta a godere di lui, con lui. Ròis odiava il potere che lui riusciva senza sforzo ad avere sugli altri, lei compresa.

Tunica classica con allacciatura "Sunshine Janet"

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...