Recensione su I miei sogni tra le pagine

L’ombra del peccato

Il pensiero di Amarilli73

«Dovreste riflettere su chi siamo noi. Siamo un’isola dove popoli lontani arrivano un giorno e con la forza delle armi ne prendono possesso. Noi siamo tutti, prendiamo il meglio di ognuno e possiamo distinguere il buon conquistatore dal cattivo solo da quanto prende e quanto dà.»
«Non c’è fierezza in questo» ripetè Herman.

Un romanzo storico originale e al contempo particolare.
Innanzitutto, c’è la sfida (superata brillantemente) di aver scelto un’epoca certamente poco “battuta” dai romance storici: siamo nel 1097, nella Sicilia della dominazione normanna, una terra di continue conquiste e con una popolazione che è in realtà un miscuglio di genti e religioni: i normanni, i latini, i saraceni.
Herman è un cadetto mezzo sassone, ma pur sempre nobile, Clara è la figlia di un ricco mercante convertito, dotata di una cultura eccezionale e parecchio audace per i suoi contemporanei (tanto è vero che è guardata con sospetto e considerata un po’ folle), ma pur sempre una popolana.
Eppure il loro matrimonio è visto con favore, soprattutto perché può consentire di inserire un osservatore privilegiato in una parte della società siciliana di cui la corte degli Altavilla fa ancora fatica a fidarsi.
Il libro ha una partenza un po’ lenta, ma una certa densità iniziale si rivela necessaria per poter immergersi in un’epoca così lontana, per comprendere appieno certe atmosfere, certi comportamenti dei protagonisti, che l’autrice ricostruisce con molta accuratezza (per cui si comprende come dietro vi sia stato un pregevole lavoro di ricerca e di adattamento).
Clara mi è piaciuta subito: è una figura femminile atipica, ribelle e determinata nonostante l’età e la propria condizione. Herman non l’ho trovato proprio cristallino come persona, ma forse questo lo ha reso ancor più credibile come uomo del suo tempo.
Inaspettatamente ho provato simpatia anche per la prima moglie Ròis lasciata in Inghilterra. Alla fine anche lei è stata vittima di un matrimonio combinato, pure ceduta ai diritti di primogenitura del capofamiglia, e poi costretta a comunque a sorbirsi la giovane amante del marito. Come sempre, se le donne rendono pari moneta passano per creature crudeli e vendicative, ma a mio parere qualche ragione per recriminare su Herman lei ce l’aveva.
Direi che non manca nulla, dagli intrighi politici ai segreti familiari, dalle incertezze del quotidiano agli struggimenti romantici. Il tutto scritto con uno stile pulito e sicuro, per un self di qualità.
Clara era una sorgente fresca dopo una battaglia. Era l’acqua che scioglieva il sangue del nemico, che oscurava i ricordi e faceva gioire per il fatto di essere ancora lì in grado di sentire la vita e la forza della natura.

Amarilli73

Grazie Amarilli, scritto da te che sei una brava autrice, è un onore!!! 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...