Addio è solo una parola

25571076

Mai guardare il mondo dall’alto senza toccarlo.

Dopo anni trascorsi a lavorare in un piccolo studio legale di Colonia, nella vana speranza di diventarne socia, l’avvocatessa Maira Puhl non può immaginare quale grossa sorpresa il destino abbia in serbo per lei. Manfred Stein, il socio anziano di uno dei principali studi della città, la convoca per farle un’offerta irrinunciabile: le cederà parte delle quote se lei in cambio collaborerà con suo figlio e lo convincerà a riprendere il suo vecchio ruolo. Lukas Stein era una giovane promessa del foro, prima di rimanere gravemente ferito in un incidente, e da due anni rifiuta di uscire di casa e di affrontare impegni e responsabilità. Maira accetta la sfida e giorno dopo giorno inizia a confrontarsi e a collaborare con Lukas. Un uomo ricco, arrogante e pieno di cicatrici, e una donna pratica, ambiziosa e indurita dal lavoro. Entrambi convinti di non avere più spazio per quella debolezza chiamata amore.
Un romanzo di cadute e risalite, di promesse infrante e sentimenti che non è possibile mettere a tacere. Un racconto che tiene incollati fino alla sentenza finale.

Che cosa ho letto io?

S.M.May vizia il lettore con protagonisti graffianti e fuori dai cliché. Maira è un’arrivista solo perché è presuntuoso definirsi bravi. Maira è brava, ha costruito la sua bravura facendo il galoppino in tribunale e quando arriva la sua occasione sarebbe assurdo rifiutare. Con il personaggio di Lukas l’autrice supera ogni preconcetto sulla disabilità. Lukas fin dalla prima battuta intimorisce, non tanto per la rabbia che porta con sé in seguito all’incidente che ha deviato il corso della sua vita, ma per il carisma. La lotta che si instaura tra i due è tra pari, tra due persone che anche se hanno ceduto per un breve momento allo sconforto della propria situazione, non hanno mai perso davvero di vista l’obiettivo finale.
Interessante anche l’ambientazione del racconto, gli uffici legali e le aule di tribunale, per una volta poco intense di pathos, ma ricche di ironia e disincanto.

L’autrice

S.M. May vive nel nord-est d’Italia, cercando di trovare il giusto equilibrio tra lavoro, famiglia, letture e scrittura. Alcune cose le riescono bene, altre meno. Però tutte sono fatte con passione.

Senza dubbio è una devota fanatica del lieto fine, e in una sua maniera contorta, molto contorta, cerca sempre di dirigere anche gli altri verso quella direzione.

Potete seguirla sulla sua pagina Facebook (S.M. May) oppure scrivere a sm.may.books@gmail.com.

Altre pubblicazioni: GOOD REFERENCES e NUVOLE (Triskell Edizioni); la serie Lara Haralds – The Strange Matchmaker che comprende gli episodi CAMBIO GOMME, NEVE FRESCA e GHIACCIO SALATO (self-published), SECRET FUNDING.

Annunci

Un pensiero su “Addio è solo una parola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...