Capo Scirocco

Undicesima lettura del 2014

Trama

Luigi è poco più di un bambino quando, con pochi stracci e il dono di un’incredibile voce da tenore, si imbarca per la Sicilia in cerca di fortuna. Mentre la folla lo spinge sulla passerella della nave, vede la “grande goccia nera che emette suoni”: è un pianoforte a coda e l’istinto gli suggerisce di seguirlo. Su un carro, nascosto tra le gambe dello strumento, raggiunge Capo Scirocco, dove incontra Rita Agnello, ricca vedova, di carattere e di rara bellezza, che decide di accoglierlo in casa. Grazie a lei, Luigi impara la vita del nobile, frequenta gli eleganti salotti della città, assapora il vento caldo che le dà il nome e che si dice faccia impazzire le donne. Un giorno, però, scopre che il pianoforte scorto al suo arrivo appartiene ad Anna, giovane figlia di un mercante di agrumi. Ogni sera la ascolta dalla strada, sogna di diventare cantante lirico e si sente già cresciuto, quasi uomo. Ma quando soffia lo scirocco, due donne nella mente di un ragazzo sono troppe.

Commento

Non posso affermare che questo romanzo mi abbia appassionata particolarmente, anzi gli stravolgimenti emotivi di Rita hanno suscitato più noia che emozioni.
Mi è tanto sembrata la storia di una persona che compra una Ferrari pur non essendo pronta a guidarla. Prima si fa duecento paranoie se sia il caso di fare l’acquisto, poi non appena gliela offrono in sconto non si fa scappare l’occasione. E poi? Le crea problemi che l’ammirino per strada, si rende conto che forse ci sarebbe qualcun altro più adatto a guidarla, fino ad abbandonarla nella speranza che qualcun altro se la pigli.
E’ un commento prosaico, mi rendo conto, soprattutto se messo a confronto con l’italiano impeccabile usato nel romanzo che, tuttavia, un po’ stanca. E che dire del personaggio maschile? Infantile, egocentrico, viziato da un eccesso di amore. Strano considerato che il ragazzo ha trascorso gran parte della propria vita in povertà e nell’assoluta indifferenza del padre. Poco coerente? Inoltre quell’atto di negazione della verità che è sotto gli occhi di tutti. Come potrebbe un uomo innamorato non capire e non vedere il malessere dell’altro? Non mi convince.

Titolo: Capo Scirocco

Autore: Emanuela Ersilia Abbadessa

Casa Editrice: Rizzoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...