Come inciampare nel principe azzurro

Sono inciampata in questo libro poiché era scontato nella selezione Euroclub. Ho visto su Anobii che è presente in più di cinquecento librerie e ha una copertina carina nella sua semplicità.

Il pacco con i libri è arrivato abbastanza velocemente e ho commentato con mia figlia che sono più contenta io quando mi arrivano i libri che la Brescia quando riceve il pacco di Zalando.

Entriamo ora nel dettaglio del libro

Trama

Quale ragazza non sogna di sfondare nel proprio lavoro sfruttando la possibilità di trascorrere un anno all’estero? È proprio questa la grande opportunità che un giorno si presenta a Maddison: ma l’inaspettata promozione arriva sotto forma di un trasferimento dall’altra parte del mondo, in Corea del Sud! Maddison, però, è solo all’apparenza una donna in carriera. In realtà è molto meno motivata delle sue colleghe e per nulla attratta dall’idea di stravolgere la sua vita. Come è possibile che abbiano pensato proprio a lei, che del defilarsi ha fatto da sempre un’arte, che ha il terrore delle novità e di mettersi alla prova? Una volta arrivata in Corea, il suo capo, occhi a mandorla e passaporto americano, non le rende neanche facile adattarsi al nuovo ambiente. Catapultata in un mondo inizialmente ostile, di cui non conosce nulla, di cui detesta le abitudini alimentari e non solo, Maddison si vedrà costretta a tirar fuori le unghie e a crescere una volta per tutte. E non è detto che sulla sua strada non si trovi a inciampare in qualcosa di bello e del tutto imprevisto!

Commento

Un romanzo che non mi ha entusiasmato più di tanto e che, secondo me, non ha riscontro con i commenti super positivi delle varie testate giornalistiche. 
Voglio precisare che il libro non è scritto male, anche se certe situazioni e alcuni dialoghi sembrano forzati, però il personaggio di Maddy sembra più un’italiana a Seul che una londinese. Mi suona difficile che un’anglosassone, seppure abituata alla colazione alla francese, rabbrividisca davanti a una colazione salata. 
Mi è piaciuto che l’autrice abbia scelto come personaggio maschile un mezzo asiatico, sebbene l’abbia poi stereotipato come l’occidentale tutto muscoli, altezza e cervello, tuttavia ho avuto serie difficoltà a entrare nei pensieri e nei comportamenti del personaggio, che forse andava definito meglio. 
In conclusione una storia gradevole che lascia poco dopo aver chiuso il libro e che non fa venir voglia di prendere l’aereo per volare in Corea.

Titolo: Come inciampare nel principe azzurro

Autore: Anna Premoli

Casa editrice: Newton Compton

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...