Irresistibile sconosciuto

Irresistibile sconosciuto di Lisa Kleypas

“Lady Hawksworth, vostro marito non è morto” queste le parole che sconvolgono Lara. Infatti, dopo essere stato dato per disperso in mare liberandola da un matrimonio senza amore, Hunter conte di Hawksworth sta facendo ritorno per reclamare il proprio titolo e la propria moglie. Però Lara stenterà a riconoscere quell’uomo potente e virile, in grado tuttavia di rivelarle segreti che solo un consorte può conoscere e così ansioso di rinnovarle il proprio amore. Certo, la somiglianza è innegabile, ma mai Hunter si era dimostrato tanto attento e passionale. Eppure, ben presto l’unico desiderio di Lara sarà che quello straniero sia davvero suo marito.

Commento

Lara e Hunter si sposano per convenienza e la loro storia assomiglia a quella del principe Carlo e lady D. Lui ama un’altra donna, più grande, mascolina. Lara non è felice del proprio matrimonio, soffre in silenzio tutto, soprattutto il sesso, frettoloso e umiliante. Poi Hunter decide di partire per l’India e muore annegato. 

Lei scopre che la vita non è solo sottomissione, può essere amore nei confronti degli sfortunati. Viene relegata nel casino di caccia dal nuovo conte, ma è libera, indipendente, per la prima volta dopo il matrimonio è serena. Finché non giunge la notizia che Hunter è vivo e sta per tornare. 
Inizia così il romanzo, in media res. E’ al secondo capitolo che incontriamo Hunter, uno sconosciuto per lei. Gli tocca il viso e gli chiede “Chi sei?”. Somiglia ad Hunter, ma in cuor suo Lara sa che non può essere suo marito. Il nuovo Hunter è gentile, seduttivo, sa chiedere scusa per il passato eppure sa tutto di lei, molti lo riconoscono come il conte ritornato dalla morte e a lei non resta che innamorarsi perdutamente di questo sogno. 
Leggendo le mie parole si intuisce che non è una trama originale, lessi qualcosa di simile da ragazzina, si intitola “la sposa di Martin Guerre”. Il tema dell’adulterio che nasce dalla passione, il dubbio che si intrufola tra le lenzuola e rende l’amore peccaminoso e intrigante. Ma nel libro della Kleypas c’è di più. C’è il tema della violenza sulle donne, c’è una aspra critica sulla sottomissione al marito potente che rende schiave e vittime di qualsiasi capriccio. C’è quasi il non differenziare il suicidio-omicidio delle vedove indiane con la sorte delle mogli inglesi dell’800. Lara è libera solo perché vedova e riesce a mantenere la propria indipendenza approfittando dei sensi di colpa di Hunter. 
Avrei preferito che lei combattesse tale battaglia con un protagonista non pentito. Il punto è chi è davvero Hunter? Quali esperienze l’hanno trasformato da uomo egoista in marito ideale? Il dubbio viene sciolto alla fine, non è un colpo di scena, un indizio buttato qui e là mi ha fatto giungere alla verità con un insight. E’ però l’atteggiamento di Lara che lascia perplessi. Si può essere tanti ingenui in nome della verità?

In appendice troviamo Un matrimonio degli Hathaway, cioè un racconto che ripercorre il matrimonio tra Kev e Win, con una favolosa Bea che salva un elefantino. Mi ha fatto venir voglia di rileggermi tutta la serie e mi ha fatto perdonare qualche incongruenza dell’ultimo romanzo della Kleypas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...