About Chichili Agency: Il tesoro del pirata di Fabiola D’Amico

Descrizione

L’arrivo di una lettera dalla Sicilia getta nel panico Isabella. La missiva contiene notizie sconvolgenti: suo padre, il Conte Torrelles, si trova in pericolo di vita. La implora, in nome dell’affetto che li lega, di andare in Sicilia, non per salvare lui, ma per recuperare un tesoro. La esorta a chiedere l’aiuto del suo più acerrimo nemico: il pirata Juan Velazquez, senza però svelare la sua identità. Il viaggio verso l’ignoto ha inizio: dove la porterà  l’avventura?

Commento

Il romanzo di esordio di Fabiola D’Amico scorre con la fluidità della navigazione nel Mediterraneo quando una lieve brezza gonfia le vele, spingendole indisturbate fino al porto. Gli ingredienti per un bel romance ci sono tutti, la dama in difficoltà che riesce a superare traversie alle quali non avrebbe mai pensato in un recente passato, un bel pirata gentiluomo, un tesoro da trovare, tante avventure e ostacoli da superare e la giusta quantità di passione che spingono a sognare l’amore senza appesantire la narrazione. Quel che rende particolare la storia è l’ambientazione, che parte dalla Spagna per giungere a lidi da me più conosciuti e in particolare a una Palermo del seicento, nella magnificenza di monumenti che sono ormai solo vestigia di un passato glorioso. Interessante l’esperienza della protagonista con l’Inquisizione, che è uno dei capitoli più bui della nostra storia.

Intervista a Fabiola D’Amico


 

1) Dove hai trovato l’ispirazione per la storia e i personaggi e come hai svolto le ricerche?
Durante la preparazione della tesi di Laurea, mi sono ritrovata tra le mani un libro di Giuseppe Pitrè in cui narrava la scoperta a Palazzo Steri nel 1910 di Graffiti. da lì, grazie alla biblioteca nazionale di Palermo, ho scoperto notizie davvero interessanti. Ho sempre desiderato scrivere una storia con un Pirata, adoro il mare, che è un elemento essenziale in ciò che scrivo. Le storie di Salgari mi hanno sempre affascinato.
2) L’ambientazione del romanzo è inusuale. Perché Palermo durante l’Inquisizione?
Palermo è una città fantastica, è stata conquistata da una moltitudine di popoli e ogni strada porta i segni di queste conquiste. La Sicilia in generale è un luogo meraviglioso, vuoi il mare? C’è, vuoi la neve, anche quella in estate. Un’isola ricca di storia, fascino e cultura. Ho fatto delle ricerche approfondite, perchè le storie dei pirati sono tutte ambientate sul mare dei Caraibi, ma i pirati esistevano anche ne Mediterraneo. Ma i pirati hanno vissuto soprattutto nel XVII secolo, quindi la mia storia doveva svolgersi in questi anni. Così legando quanto scoperto da Giuseppe Pitrè a ciò che la mia fantasia esigeva, ecco la giusta collocazione temporale Palermo 1645.
3) Isabella all’inizio è la classica damina cresciuta nella bambagia, tuttavia butta alle spalle una vita tranquilla per affrontare nuove avventure. Pensi che in ogni donna ci sia la forza di accettare i cambiamenti?
Sicuramente, non lo fa quando abbandona la famiglia paterna e si trasferisce con il marito all’estero? Mia nonna è rimasta vedova a 35 anni con 3 bambini da crescere, poco prima della seconda guerra mondiale, ne aveva tanta di forza.
4) Juan è il pirata. Bello, dal passato oscuro e molto umano. E’ l’uomo dei sogni o il “bastardo” che fa scattare lo spirito da crocerossina che è presente in molte donne?
Ognuno di noi ha un uomo dei sogni, può essere bastardo, tenero. dipende da ciò che vogliamo. A me piace, l’ho amato, e devo confessare che in Lui c’è molto di mio marito, sarà un caso?
5) Se puoi fare un’anticipazione, in quale lidi e in quale tempo potresti portare i tuoi lettori con il tuo prossimo racconto?
Cara Silvia, di idee ne ho tante: non siete curiose di sapere se qualcuno troverà questo tesoro del pirata? la risposta è si, anche se dovremmo trasferirci nel 1821, stavolta i protagonisti sono Lei inglese, discendente di Isabella e Juan, Lui, siciliano doc, discendente di Carlos. Insieme a loro altri tre fratelli e altrettante storie che, ahimè aspe,ttano di essere scritte.
C’è un romanzo incompiuto, per me molto appassionante, ambientato alla corte di Luigi XIV, tra magia nera e abiti fastosi. Purtroppo questi progetti per il momento sono tali, poiché in cerca di notorietà ho partecipato a una serie di concorsi tra cui quello della VIE en Rose e quello indetto dai Romanzi Mondadori. inoltre mi sono divertita a scrivere un Chick LIt, che La nostra Roberta valuterà, e un lungo racconto erotico ambientato in Egitto nella seconda metà dell’ottocento, tra scavi e maledizioni, che spedirò al più presto anche a Roberta.
Colgo l’occasione per ringraziarti, poichè grazie a te, ho incontrato Roberta, a cui va un abbraccio per la disponibilità con cui risponde sempre alle mie sciocche e ingenue domande.

Di nulla!

Potete trovare IL TESORO DEL PIRATA e molti altri e-book Chichili Agency su:

http://it.ebookizzati.com/ebook-il-tesoro-del-pirata-1-fabiola-damico-satzweisscom-chichili-agency-idprd28974.html

Annunci

2 pensieri su “About Chichili Agency: Il tesoro del pirata di Fabiola D’Amico

  1. rosangela ha detto:

    Grazie carissima Fabiola ,leggerò quanto prima il tuo libro ,sono sicura che mi piacerà perchè conosco il tuo genere e come scrivi .un abbraccio e tanti auguri

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...